Reserved
martedì 10 dicembre 2019   21.06
Clicca su MI PIACE sulla nostra Pagina  Seguici su Twitter 
Ricerca                          Rss Staffetta Quotidiana Rss             Abbonamenti    Chi siamo    Contatti   
userName password Non riesco ad accedere

Questo sito, per il suo funzionamento, utilizza i cookie; accedendo o cliccando su "Accetto", acconsenti all'uso dei cookie presenti in questo sito.

giovedì 21 novembre 2019

 |  Aumenta carattere  |  Diminuisci carattere  | 
 
 
Free

Il Black New Deal della Cina

Politica energetica internazionale

La Cina continua a costruire centrali a carbone, e lo fa non perché la domanda di energia elettrica lo richieda ma per rilanciare la crescita economica e l'occupazione. Una versione “nera” del New Deal roosveltiano (che partì dall'energia idroelettrica, v. Staffetta 13/9). Tra il 2018 e metà 2019 sono entrate in funzione in Cina centrali a carbone per 42,9 GW, più di venti volte la potenza dell'impianto Enel di Torre Valdaliga Nord. Di fronte a questo “Black new deal” impallidisce il Green New Deal europeo: gli impianti a carbone in costruzione in Cina valgono quanto l'intera potenza a carbone attualmente in funzione in Europa.

Qui c'è qualcosa di grosso che non torna e che riguarda, prima ancora che l'ambiente e il clima, l'egemonia. Le rivolte contro il caro benzina nei paesi produttori di petrolio (da ultimo, Bolivia e Iran) segnalano che per quanto si sia tutti d'accordo sulla necessità di eliminare progressivamente i sussidi alle fonti fossili, la strada è lunga e tortuosa. E l'approccio virtuoso europeo è tutt'altro che egemonico. Il punto è che il Green New Deal in un solo Paese (o in un solo continente) è, nel migliore dei casi, una pia illusione. Nel peggiore, una pericolosa ipocrisia.

© Riproduzione riservata




75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
Calendario Eventi e Manifestazioni
Gli speciali della Staffetta
75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
La Staffetta per il sociale...