Reserved
giovedì 1 ottobre 2020   21.56
Clicca su MI PIACE sulla nostra Pagina  Seguici su Twitter 
Ricerca                          Rss Staffetta Quotidiana Rss             Abbonamenti    Contatti   
userName password Non riesco ad accedere

Questo sito, per il suo funzionamento, utilizza i cookie; accedendo o cliccando su "Accetto", acconsenti all'uso dei cookie presenti in questo sito.

lunedì 20 aprile 2020

 |  Aumenta carattere  |  Diminuisci carattere  |  PDF
 
 
Free

Covid e inquinamento, ipotesi da verificare

Un'analisi di Arpa ER e Marche, Università di Bologna e Politecnico Marche invita alla cautela

Ambiente e Sicurezza

Invita alla "massima cautela" prima di accreditare correlazioni tra nuovo coronavirus e inquinamento atmosferico - in particolare sul particolato come "trasportatore" del virus - un articolo firmato da ricercatori delle Arpa di Marche e Emilia Romagna, del dipartimento di medicina specialistica dell'Università Alma Mater di Bologna e della scuola di specializzazione in igiene e medicina preventiva del Politecnico delle Marche.

Nel documento, intitolato “Valutazione del possibile rapporto tra l'inquinamento atmosferico e la diffusione del SARS-CoV-2” (v. allegato) e pubblicato nel repository della rivista Epidemiologia & Prevenzione, che ospita i rapporti di lavoro preliminari, non ancora sottoposti a revisione tra pari (peer review) riguardanti la pandemia in corso, si fa notare ad esempio che non esistono al momento studi scientifici a supporto dell'ipotesi che il particolato atmosferico possa avere un ruolo nella diffusione del nuovo coronavirus, avanzata in un recente e molto citato position paper firmato da esperti delle università di Bologna, Bari e Trieste (v. allegato). Anzi, si legge ancora "diversi argomenti depongono a sfavore di un ruolo del particolato nella diffusione del virus".

Al contrario, prosegue l'analisi, è possibile ipotizzare un'azione del PM come co-fattore del processo di infiammazione provocato dal virus.

"In tutti i casi - conclude l'articolo - le posizioni non conclusive e non sempre condivise sulla possibile associazione tra inquinamento atmosferico e Sars-Cov-2 depongono per un atteggiamento di massima cautela nell'interpretazione dei dati e delle conoscenze disponibili e fanno sì che tale associazione rimanga al momento un'ipotesi che necessita di essere verificata da ulteriori ricerche, accurate e approfondite".

© Riproduzione riservata




75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
COMMENTI - EDITORIALI LA RASSEGNA DELLE ULTIME NOTIZIE
STAFFETTA PREZZI GARE E COMMESSE
EVENTI - CONVEGNI SEGNALAZIONI
Calendario Eventi e Manifestazioni
Gli speciali della Staffetta
75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
La Staffetta per il sociale...