List energy
lunedì 26 settembre 2022   15.05
Clicca su MI PIACE sulla nostra Pagina  Seguici su Twitter 
Ricerca                          Rss Staffetta Quotidiana Rss             Abbonamenti    Contatti   
userName password Non riesco ad accedere
lunedì 20 giugno 2022

 |  Aumenta carattere  |  Diminuisci carattere  | 
  •   
Free

UE: Consiglio su Russia, Plenaria su ETS e CBAM

Al Consiglio si dovrebbe parlare anche della proposta Italiana di price cap sul gas. Il 323° numero del servizio della Staffetta con l'agenda UE a cura di Sergio Matalucci

Politica energetica internazionale

Settimana intensa per le istituzioni comunitarie. Si inizia oggi con il Consiglio Affari esteri su corno d'Africa, Egitto, Russia e Ucraina. Domani i ministri degli Affari europei si riuniranno (Consiglio Affari generali) per preparare il Consiglio europeo di giovedì e venerdì. È questo l'appuntamento della settimana: i leader europei parleranno di Ucraina e Russia, della situazione economica e dei rapporti con Paesi terzi. Discussioni poi sulle candidature di Georgia, Moldova e Ucraina (Link). Agenda provvisoria (Link). Da quanto è emerso dovrebbe essere comunque discussa la proposta italiana per un tetto al prezzo del gas.

Il Consiglio Energia e il Consiglio Ambiente della settimana prossima dovrebbero poi continuare i lavori imbastiti questi giorni (Link). In particolare i ministri dell'Energia dovrebbero parlare, la settimana prossima, del pacchetto "Fit for 55%”, del regolamento sullo stoccaggio del gas e il programma di lavoro della presidenza ceca (priorità: Ucraina e sicurezza energetica) (Link) e (Link).

Tornando alla settimana in corso da segnalare anche l'incontro, giovedì, dei leader dell'UE e dei Balcani occidentali (Link), sul processo d'integrazione della regione nell'UE e sulla "trasformazione verde e digitale”. Inevitabilmente in agenda anche il rapporto tra i Paesi della regione e la Russia (Link).

Il presidente del Consiglio Charles Michel incontra oggi la presidente della Banca centrale europea (BCE) Christine Lagarde. Presiederà il Consiglio Europeo e parteciperà, sempre venerdì, all'Euro summit (Link).

Da segnalare poi Coreper I mercoledì (Link), il ministeriale su Giustizia e Interni tra UE e Stati Uniti (giovedì) (Link).

Rilevante poi la Conferenza straordinaria del trattato sulla Carta dell'energia di venerdì. Il Consiglio ha già definito la propria posizione (Link) e (Link).

Sempre questa settimana la mini-Plenaria di mercoledì e giovedì (Link).

Si inizia mercoledì con il voto dei deputati su tre progetti di legge rinviati durante la seduta precedente, progetti parte del pacchetto "Fit For 55”: la revisione del sistema di scambio di quote di emissione (ETS), il Fondo sociale per il clima e CBAM (Link). Nel pomeriggio gli eurodeputati definiranno le loro aspettative per il Consiglio europeo del 23-24 giugno su Ucraina, Moldavia e Georgia. La risoluzione sulla decisione di concedere lo status di candidato all'UE ai tre Paesi sarà votata il giorno dopo. Sempre giovedì il Parlamento discuterà e voterà un accordo con i governi dell'UE sulle riserve strategiche di gas dell'Europa prima dell'inverno. Il Parlamento pubblicherà anche il sondaggio pubblico Eurobarometro della primavera 2022, condotto tra il 19 aprile e il 16 maggio 2022. La presidente del Parlamento Roberta Metsola parteciperà al Consiglio Europeo.

Da segnalare poi discussioni sui rapporti tra Russia e partiti politici europei, probabile conferenza stampa dei parlamentari sul 4° trilogo sul reporting di sostenibilità aziendale, dibattito con il primo ministro croato Andrej Plenkovic, rapporti Europa-Africa, implementazione del Recovery and Resilience Facility (Link).

La Plenaria voterà anche i rapporti sul percorso europeo di Bosnia-Erzegovina, Kosovo e Serbia (Link).

Per quanto riguarda le commissioni europarlamentari, da segnalare oggi lo scambio di opinioni della commissione Sviluppo (DEVE) con Odile Renaud-Basso, presidente della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) (Link) e l'incontro della commissione Industria, ricerca ed energia (ITRE) sull'industria automobilistica europea (domani) (Link).

Una delegazione della commissione Agricoltura (AGRI) andrà sul confine tra Polonia e Ucraina per valutare i corridoi alimentari (Link).

Per quanto riguarda la Commissione europea diversi gli appuntamenti interessanti. Il vicepresidente Frans Timmermans riceve oggi i rappresentanti di Fortescue Future (probabile focus: collaborazione UE-Australia su idrogeno verde), domani è a Berlino, dopodomani partecipa a una tavola rotonda di alto livello parte dell'Africa Energy Forum. Giovedì incontrerà il ministro dell'Energia norvegese Terje Aasland.

La presidente von der Leyen parteciperà agli appuntamenti su Balcani occidentali, alla Plenaria e al Consiglio europeo. La commissaria all'Energia Kadri Simson interverrà a eventi su solare, nucleare ed energia nei mari del Nord. Esponenti della Commissione saranno in Ucraina. Da sottolineare poi la partecipazione del commissario all'Economia Paolo Gentiloni all'inaugurazione del nuovo ufficio di A2A presso le istituzioni europee. Gentiloni sta curando infatti, questi giorni, le relazioni con istituzioni, aziende e giornali italiani (Link).

Potenzialmente interessante anche l'incontro della Commissione con esponenti delle autorità portuali di Anversa-Bruges (oggi) (Link).

La Commissione ha poi in programma il secondo dialogo UE-Canada per la collaborazione in campo d'idrogeno (oggi) (Link), un evento online sull'assistenza tecnica per le comunità energetiche nel quadro dell'Energy Communities Repository (domani) (Link), un altro evento online nel quadro del Patto europeo delle imprese per il clima e l'energia (CCCE) per sensibilizzare i potenziali beneficiari, tra cui PMI, gruppi di PMI, autorità (nazionali, regionali o locali) nei Paesi prioritari, ovvero Croazia, Finlandia, Italia, Paesi Bassi e Polonia (giovedì) (Link).

Due infine gli appuntamenti organizzati dalla Florence School of Regulation (FSR): il Consiglio consultivo discute oggi e domani le questioni normative e politiche più attuali insieme alla Commissione e a ACER (Link); Conferenza annuale sulla sostenibilità, con approccio fortemente teorico/accademico, mercoledì e giovedì (Link).

La settimana passata

I tre principali gruppi parlamentari, insieme ai Verdi, hanno trovato un compromesso su 2 delle 3 parti del Pacchetto "Fit for 55” ancora da approvare, in vista del voto della Plenaria di questa settimana. Graduale eliminazione delle quote gratuite per l'industria nel periodo 2027-2032 (proposta della Commissione: 2026-2035), riduzione del 63% (e non 61%) delle emissioni dell'industria nel quadro ETS, applicazione del CBAM dal 2033, inclusione di idrogeno e polimeri nel CBAM (Link).

Le commissioni ECON ed ENVI hanno adottato una risoluzione richiedendo una decisione del Parlamento, nel corso della plenaria del 4-7 luglio, sulla proposta della Commissione della tassonomia, che include il gas e il nucleare tra gli investimenti sostenibili (Link). Termine ultimo per un eventuale veto: 11 luglio.

Il Consiglio Affari economici e finanziari ha discusso una serie di temi rilevanti, tra cui inflazione, CBAM e ETS (nuove risorse europee per finanziare il piano di ripresa europeo) (Link).

UE, Stati Uniti e altri 11 Paesi hanno lanciato il Global Methane Pledge Energy Pathway per diminuire le emissioni di metano nel settore oil&gas (Link).

Firmato il Memorandum d'Intesa (MoU) in campo energetico tra Unione Europea, Egitto e Israele. Per ora focus sulle esportazioni attraverso i terminali GNL egiziani (Link).

L'UE e l'Egitto hanno rilasciato una dichiarazione congiunta su clima, energia e transizione verde. La cooperazione si concentrerà sulle fonti energetiche rinnovabili, l'idrogeno e l'efficienza energetica (Link) e (Link).

La presidente della Commissione von der Leyen e il presidente egiziano hanno anche deciso di collaborare per aumentare la sicurezza alimentare in Egitto (Link).

Ieri il Consiglio d'Associazione UE-Egitto (Link).

Un workshop organizzato congiuntamente dal Consiglio dei regolatori europei dell'energia (CEER), dal Comitato di regolamentazione della Comunità dell'energia (ECRB) e dall'Associazione dei regolatori dell'energia del Mediterraneo (MEDREG) a Vienna ha parlato delle sfide del settore energetico, aumentando la collaborazione tra le istituzioni, scrive la Comunità dell'Energia (Link).

La Commissione ha adottato il primo programma, quello della Grecia, nel quadro del Fondo per una transizione giusta (Link).

La Commissione ha raccomandato il Consiglio di approvare lo status di candidato all'UE per Moldova (Link), Ucraina (Link) e Georgia (in questo caso dopo che il Paese implementerà una serie di azioni) (Link).

La BERS ha concesso un prestito da 300 milioni al Naftogaz (Link).

"I Balcani occidentali sono una priorità strategica,” ha detto il presidente Michel in visita in Montenegro, Kosovo e Macedonia del Nord (Link).

Il Parlamento ha adottato il 9 giugno una risoluzione sui diritti umani in Xinjiang, Cina, uno dei centri della produzione di pannelli fotovoltaici (Link).

Euractiv ha riportato che l'Ungheria si è opposta a un accordo globale sull'aliquota minima globale sulle multinazionali, ritardando il voto sul recepimento della proposta nel diritto dell'UE.

Il Patto europeo delle imprese per il clima e l'energia (CCE) ha aperto la prima call per il programma di assistenza alla decarbonizzazione per le imprese europee (Link).

Settimana scorsa anche un workshop sui processi di rilascio delle autorizzazioni per i progetti di energia rinnovabile. L'obiettivo è accelerare il processo di rilascio delle autorizzazioni, raccogliendo le esperienze e le buone pratiche individuate a livello nazionale. Ne ha scritto la Commissione europea (Link).

Gli stoccaggi gas dell'Unione europea sono stati riempiti al 50,2% della loro capacità, nonostante gli alti prezzi del gas, ha detto la commissaria Simson agli eurodeputati ENVI (Link).

"Abbiamo proposto che i progetti di energia rinnovabile siano considerati di interesse pubblico prevalente. In secondo luogo, proponiamo che i progetti di repowering e le installazioni di pannelli solari abbiano procedure più brevi e semplici,” ha invece detto ai deputati ITRE, aggiungendo che la proposta della Commissione include la definizione di aree idonee per progetti di energia rinnovabile. Aumento (y-o-y) del 36% di GNL in Europa (Link).

"Nel 2020, le famiglie rappresentavano il 27,0% del consumo finale di energia nell'UE. La maggior parte del consumo finale di energia delle famiglie dell'UE è coperta dal gas naturale (31,7%) e dall'elettricità (24,8%). Le fonti rinnovabili rappresentano il 20,3%, seguite da petrolio e prodotti petroliferi (12,3%) e calore derivato (8,2%). Una piccola percentuale (2,7%) è ancora coperta dai prodotti del carbone (combustibili solidi),” ha scritto Eurostat (Link).

La Commissione ha pubblicato quattro studi per aiutare gli Stati membri a decarbonizzare il settore del riscaldamento e del raffrescamento, in linea con la nuova proposta di direttiva sulle energie rinnovabili (Link).

"Secondo un sondaggio Eurobarometro, i cittadini europei sostengono in massa una politica di sicurezza e di difesa comune e si attendono che l'Unione europea si svincoli gradualmente dalle fonti energetiche russe. Il sondaggio conferma altresì l'ampio sostegno alla risposta dell'UE all'aggressione russa contro l'Ucraina,” ha scritto la Commissione (Link).

Nel suo Summer Outlook 2022, EntsoE ha scritto che non c'è alcun rischio significativo per la fornitura di energia elettrica in Europa quest'estate; per l'inverno sono necessarie azioni tempestive (Link).

(Il precedente numero della Settimana europea a cura di Sergio Matalucci è stato pubblicato sulla Staffetta del 13/06).

© Riproduzione riservata





75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
COMMENTI - EDITORIALI LA RASSEGNA DELLE ULTIME NOTIZIE App Logo
Dove vanno i prezzi dei carburanti
STAFFETTA PREZZI
EVENTI - CONVEGNI SEGNALAZIONI
Gli speciali della Staffetta
75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana