Reserved
martedì 15 giugno 2021   18.11
Clicca su MI PIACE sulla nostra Pagina  Seguici su Twitter 
Ricerca                          Rss Staffetta Quotidiana Rss             Abbonamenti    Contatti   
userName password Non riesco ad accedere

Questo sito, per il suo funzionamento, utilizza i cookie; accedendo o cliccando su "Accetto", acconsenti all'uso dei cookie presenti in questo sito.

venerdì 16 aprile 2021

 |  Aumenta carattere  |  Diminuisci carattere  | 
 
 
Free

ESCo UNITE: “Parola d'Ordine “Dis-Continuità” normativa e azioni risolutive concrete alle migliaia di contenziosi sui certificati bianchi”

“Bene l'attivazione in Senato del forum d'approfondimento in 10ma Commissione”

Informazione promozionale

ESCo Unite, Associazione delle Energy Service Company, si appella al Ministro Cingolani e ai Sottosegretari Vannia Gava e Ilaria Fontana del MiTE, al fine di intraprendere azioni concrete per affrontare e risolvere le migliaia di contenziosi con il Gestore dei Servizi Energetici (GSE).

“Dis-Continuità” è la parola d'ordine che ESCo Unite vuole lanciare: discontinuità verso un regime legislativo frammentario, lacunoso ed in continuo mutamento, senza regole certe e chiare. Mentre continuità, anzi più impegno, è quello che auspichiamo verso un sistema di incentivi chiaro e strutturato per i cittadini e le imprese per raggiungere standard sempre più alti di efficienza energetica delle nostre attività e dei nostri edifici.

Un primo passo di discontinuità dal caos legislativo del recente passato era stato iniziato con il Decreto Rilancio e il Decreto Semplificazioni, art.56 commi 7 e 8: basi importanti per semplificare le norme e mettere nuovamente in moto una macchina che era in stallo.

Adesso serve completare quel disegno riformatore e spingere verso un'economia green e circolare con certezze regolatorie.

L'annuncio dell'imminente approvazione del decreto sui certificati bianchi, fermo da anni, è un'ottima notizia per i soggetti obbligati, per gli operatori del settore dell'efficienza energetica e per mettere in sicurezza il Paese sugli obiettivi internazionali da raggiungere annualmente.

Con la bozza di decreto “determinazione degli obiettivi quantitativi di risparmio energetico per gli anni dal 2021 al 2024” e con lo sdoganamento dei titoli “virtuali” introdotti nel 2018, unitamente alla regolamentazione del contributo tariffario, si sono fatte azioni concrete al fine di ridare un nuovo equilibrio al mercato dei TEE. Tuttavia l'azione di rimodulazione degli obblighi al ribasso di oltre il 75%, così drastica e improvvisa, sta creando degli stravolgimenti interni, sia alle stesse multiutilty che hanno investito nel creare strutture societarie dedicate allo sviluppo del sistema dei certificati bianchi, sia agli operatori che dell'efficienza energetica hanno fatto il fulcro della propria attività.

L'associazione ESCo Unite pone grande speranza nell'approfondimento sul sistema dei certificati bianchi che sarà a breve attivato in 10ma Commissione del Senato e di cui ESCo Unite sarà parte attiva nel portare istanze ed approfondimenti. Il tema verterà sul rilancio strutturato del meccanismo dei TEE e sulla risoluzione delle migliaia di contenziosi che rischiano oggi di moltiplicarsi a causa di una mancata regolamentazione del sistema.

ESCo Unite crede fermamente che l'equo contemperamento tra il diritto di verificare e controllare la corretta allocazione di risorse pubbliche in interventi meritevoli di incentivazione e il legittimo affidamento al mantenimento degli incentivi ottenuti da anni, debba essere il criterio che sta alla base del buon funzionamento e della affidabilità dei sistemi incentivanti.

Il sistema dei Certificati bianchi è stato per 15 anni il principale motore per lo sviluppo e incremento degli investimenti in efficienza energetica, consentendone una capillare diffusione su tutto il territorio nazionale, ed è stato fondamentale per avvicinare l'Italia al conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico fissati dall'Europa.

Tale sistema, tuttavia, è stato messo in crisi negli ultimi anni da azioni di annullamento e decadenza degli incentivi di pratiche già incentivate con il meccanismo dei TEE eseguite “a tappeto” da parte del Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.a., anche a distanza di diversi anni dalla presentazione e approvazione delle pratiche stesse.

Tale azione, che ha portato alla revoca degli incentivi nel 97% dei casi controllati, è stata fondata su una rivalutazione e reinterpretazione unilaterale, a posteriori, della normativa vigente al tempo della presentazione delle pratiche, da parte del Gestore. Il 97% è un dato impressionante, talmente prossimo alla totalità delle pratiche da rendere sostanzialmente neutra la condotta della maggior parte degli operatori, in quanto con simili numeri risulta palese che le regole vigenti al momento dell'approvazione degli incentivi sono in totale contrasto con le odierne reinterpretazioni della normativa che stanno portando alla revoca delle stesse.

ESCo Unite sostiene che l'obiettivo debba essere quello di tutelare gli operatori che con dedizione e rispettando le norme si sono affidati per anni ad una normativa in continuo cambiamento e ad un sistema di regole in cui il processo autorizzativo si era tuttavia consolidato, e allo stesso tempo colpire in modo mirato chi ha veramente approfittato del sistema incentivante.

Gli operatori ora si aspettano che i Ministeri competenti diano il prima possibile una indicazione chiara agli Enti preposti alla gestione dei sistemi incentivanti dell'efficienza energetica, al fine di sciogliere in modo definitivo i contenziosi che bloccano il rilancio degli investimenti, così che si possa ripartire a creare nuovo valore per la collettività.

UFFICIO STAMPA ESCO UNITE

Sgaravato srl

Dott. Massimiliano Saladino

Email: saladino@sgaravato.it

Tel: 045 820 50 50

Cell: 342 3873948

© Riproduzione riservata




75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
COMMENTI - EDITORIALI LA RASSEGNA DELLE ULTIME NOTIZIE
STAFFETTA PREZZI GARE E COMMESSE
EVENTI - CONVEGNI SEGNALAZIONI
Calendario Eventi e Manifestazioni
Gli speciali della Staffetta
75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
La Staffetta per il sociale...