Reserved
mercoledì 11 dicembre 2019   14.01
Clicca su MI PIACE sulla nostra Pagina  Seguici su Twitter 
Ricerca                          Rss Staffetta Quotidiana Rss             Abbonamenti    Chi siamo    Contatti   
userName password Non riesco ad accedere

Questo sito, per il suo funzionamento, utilizza i cookie; accedendo o cliccando su "Accetto", acconsenti all'uso dei cookie presenti in questo sito.

Politica energetica internazionale
Novembre - 2008
indietro
avanti


Skip Navigation Links
1
2
3
Pagna Successiva (2)

28/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Inflazione o deflazione il colpevole è sempre il petrolio

Osservatorio di Politica Energetica di Edgardo Curcio*


Si ritorna a parlare di petrolio, ma questa volta non per il suo balzo in su, ma per il suo progressivo “crollo” nelle quotazioni internazionali arrivate anche sotto i 50$ al barile.
E sempre al petrolio adesso si addebitano le colpe di una possibile “deflazione” negli Stati Uniti, di una reces ...


28/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Meno macchinoni, più pace: come rimettere il sistema in sicurezza

L'opinione di Marcello Colitti


La bufera si è finalmente scaricata, e la pioggerella feconda i campi assetati? Oppure la pioggia è venuta, ma è un diluvio mortale, che distrugge le culture, blocca le strade e fa crollare dighe ed alberi secolari? Non è ancora chiaro cosa stia succedendo, anche se le cause remote e più prossime de ...


28/11/2008 | Politica energetica internazionale | GBZ

Scommettere sulla diversificazione

L'incertezza in cui versano la finanza e l'economia mondiali si riflette sulle prospettive di questa o quella risorsa energetica, con interrogativi di segno opposto che si rincorrono  da un capo all'altro del pianeta. Banche d'investimento, istituzioni internazionali o sopranazionali, istituti di ri ...


27/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Grecia, BP e Shell multate per cartello sui prezzi

L'Authority greca per la concorrenza ha inflitto una multa complessiva di circa 50 milioni di euro alle filiali locali di BP e Shell, per aver costituito un cartello sui prezzi ai distributori di benzina, concordando le politiche di sconto, al fine di non competere tra di loro e far convergere i pre ...


27/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Ome, 450 mld $ investimenti reti e impianti nell'area del Mediterraneo entro 2020

I sistemi elettrici dei paesi del versante sud del Mediterraneo avranno bisogno di investimenti in nuove reti di trasporto e distribuzione e in nuovi impianti per la produzione di energia elettrica per circa 450 miliardi di dollari entro il 2020. La stima è dell'Ome (Observatorie mediterranée de l'e ...


27/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Iraq, parlamento contesta accordo con Shell


Il Parlamento iracheno contro l'accordo che darebbe alla Shell una posizione di monopolio nel settore del gas (v. Staffetta 08/09). Lo stop arriva dalla commissione Energia, che ha accusato il ministro del Petrolio Hussein al Shahristani per quella che definisce una mancanza di trasparenza nel modo in cui sono state condotte le trattative, che hanno portato per ora alla firma di un accordo ...


27/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Piano anticrisi Ue, l'energia al centro

Joaquin Almunia
Joaquin Almunia
Un incentivo finanziario coordinato di circa 200 miliardi di euro (1,5% del Pil Ue), con circa 170 miliardi di euro (1,2% del PIL) a livello degli Stati membri, mediante azioni nel quadro dei loro bilanci, e circa 30 miliardi di euro (0,3% del PIL) a livello Ue, mediante azioni nel quadro del bilanc ...


25/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Ocse, recessione peggiore da anni '80


Molti fra i 30 paesi dell'Ocse “si trovano, o stanno per trovarsi, in una recessione durevole e con un'intensità che non si vedeva dall'inizio degli anni ‘80''. A dirlo è l'Ocse nella versione preliminare del suo Economic Outlook, che parla di un “blackout” finanziario seguito alla bancarotta di Leh ...


25/11/2008 | Politica energetica internazionale |

La Russia apre al taglio congiunto con l'Opec

Sergey Shmatko
Sergey Shmatko
Allineandosi con le dichiarazioni del ministro iraniano del petrolio, Gholamhossein Nozari sulla necessità di migliorare il dialogo tra produttori Opec e non-Opec (v. Staffetta 18/11), il ministro dell'Energia russo, Sergey Shmatko, non esclude un taglio della produzione russa nel corso della prossima riunione dell'Opec che si terrà nel fine settimana a seguito del crollo di circa 100 dolla ...


24/11/2008 | Politica energetica internazionale |


24/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Piano Ue 2020, slitta il voto a Strasburgo


Il Parlamento europeo ha deciso di non votare sul Piano Ue 2020 prima del Consiglio Ue dell'11 e 12 dicembre, come previsto in un primo momento. Il 4 dicembre si terrà una nuova sessione parlamentare per discutere del pacchetto, ma la complessità della materia ha suggerito ai parlamentari di rimanda ...


21/11/2008 | Politica energetica internazionale | GCA

Il rebus della crisi

Tra i barometri che gli analisti tengono sotto controllo per captare i segnali che possano indicare una qualche inversione di tendenza o, invece, una sua recrudescenza, oltre a quello dell'andamento delle Borse, di rigore c'è quello del prezzo del petrolio. Che per ora segna solo tempesta. Il “panie ...


21/11/2008 | Politica energetica internazionale |

L'impatto della politica energetica europea sul “petrolio” Italia

Dallo studio Rie presentato il 18 novembre a Roma


Martedì scorso il Rie ha presentato lo studio “La politica energetica Europea: l'impatto sull'industria italiana del petrolio, vincoli ed opportunità per la sfida al clima, biofuels e nuovi prodotti”, realizzato per l'Unione Petrolifera (v. Staffetta 19/11). Lo studio di 59 pagine è disponibile sul sito della Staffetta. Di seguito la sintesi.

1. Aspetti generali della nuova Po ...


21/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Gas, nuovo braccio di ferro Russia-Ucraina


Il presidente russo, Dimitri Medvedev, ha chiesto all'amministratore delegato di Gazprom, Alexei Miller, di riscuotere il debito contratto dall'Ucraina per le forniture di gas, il cui ammontare è valutato in 2,4 miliardi di dollari. “E' necessario risolvere il problema del debito ucraino sulle forni ...


19/11/2008 | Politica energetica internazionale |

Aie, l'Opec deve reagire più velocemente

Nobuo Tanaka
Nobuo Tanaka
L'Opec deve reagire più velocemente in caso di carenza di offerta, alzando la produzione. E' quanto ha detto il direttore esecutivo dell'Aie, Nobuo Tanaka, in visita a Seul per presentare il World economic energy outlook (v. Staffetta 07/11). “Se ci sarà carenza di offerta – ha detto – vorremmo che l'Opec agisse più velocemente di quanto è solita fare”. Quanto all'attuale politica di revisi ...



Skip Navigation Links
1
2
3
Pagna Successiva (2)

Torna su...
 
Calendario Eventi e Manifestazioni
Gli speciali della Staffetta
75 Anni di Energia - Il libro di Staffetta Quotidiana
La Staffetta per il sociale...